LA STATIZZAZIONE DEGLI ISTITUTI MUSICALI EX PAREGGIATI NON E’ PIU’ RINVIABILE. INTERROGAZIONE DI MARIA IACONO (PD)

Ieri le parlamentari democratiche Maria Iacono (Agrigentina) e Luisa Albanella, hanno presentato un‘interrogazione parlamentare al Ministro dell’istruzione , dell’Università e della Ricerca per chiedere quale sia la volontà del governo rispetto alla soluzione della statizzazione di molti Istituti Musicali sparsi in Italia, che, pur rappresentando una vera e propria eccellenza culturale e formativa, rischiano la chiusura.

Secondo la parlamentare Agrigentina, Maria Iacono, prima firmataria dell’interrogazione ,”allo stato attuale in Italia vi sono 18 Istituti Musicali parastatali (istituiti e finanziati da Comuni o Provincie) che, pur garantendo un’offerta formativa d’eccellenza, non sono nelle condizioni di completare l’iter per l’effettiva statizzazione.”

“Alla luce della sentenza dello scorso 21 Gennaio, con la quale il Tar della regione Lazio ha sancito l’effettiva statizzazione dell’Istituto musicale Provinciale di Teramo, non vi sono più ragioni per non garantire il pieno diritto alla statizzazione anche per gli altri Istituti Musicali presenti in tutto il territorio Nazionale, a cominciare dall’Istituto Toscanini di Ribera e dagli istituti musicali di Catania e Caltanissetta.”

“Inoltre- ha aggiunto Maria Iacono- vale la pena ricordare che la Legge 508/99 all’articolo 2 ,commi 2 e 7 dispone la trasformazione degli istituti ex pareggiati in Istituti superiori di studi musicali e coreutici e la conseguente emanazione di appositi regolamenti, emanati ai sensi ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400.”

“Lo scorso mese di Maggio- ha aggiunto Maria Iacono- ho sottoscritto una proposta di legge , prima firmataria l’On Albanella, avente come oggetto “Norme per la statizzazione degli ex istituti musicali pareggiati”, nella quale si ribadisce che l ‘attuazione del processo di statizzazione degli ex IMP non comporta oneri finanziari aggiuntivi a carico del bilancio dello Stato.” “Sulla base della recente sentenza del TAR riteniamo che la vicenda della statizzazione non sia più rinviabile, il diritto allo studio di migliaia di studenti ed il diritto al lavoro sicuro per diversi docenti deve diventare una priorità , nei prossimi giorni chiederemo un incontro al Ministro Carozza per chiedere impegni concreti alla soluzione della vicenda.”

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *