COMITATO “NO PONTE, NO VOTO”: PERCHE’ L’ANAS NON RISPONDE ALLE 15 DOMANDE?

Il Comitato “No Ponte, No Voto” non demorde e torna alla carica. In particolare, sollecita le risposte a 15 domande che pubblichiamo:

IL COMITATO NO PONTE- NO VOTO SI PONE ANCORA DELLE DOMANDE, E NON SI CAPISCE PERCHE’ A 15 GIORNI DEL CROLLO NESSUNO HA ANCORA DATO DELLE RISPOSTE:

1) perchè non è stato da subito attivato lo stato di emergenza su scala provinciale che avrebbe permesso di attivare tutti gli enti preposti immediatamente?

2) cosa ha impedito di chiedere l’intervento immediato del genio pontieri? quale legge o cos’altro? visto che in altre occasioni analoghe è stato possibile? vedi Bolzano, Savona , Messina etc?

3) perchè non si è valutata la possibilità di fare la passerella più a monte dove gli argini hanno una distanza massima di 8-10 metri?

4) se le, chiamiamole spalle di appoggio del ponte in muratura crollato non si potevano usare per il ponte in ferro… come mai le stesse spalle del ponte verranno collegate dal progetto dell’ anas con i tubi in acciaio? sono diventate stabili o cosa?

5) se la corsia in cemento armato sembra possa essere riutilizzata dal progetto dell’ anas, perchè come è stato proposto non si sono fatte subito le verifiche su questa parte, in modo da attivare con i dovuti accorgimenti, anche il transito a corsia unica con l’ausilio dei semafori?

6) l’analisi tecnica dell’ Ing. Di Giovanna e del Corriere di Sciacca in cosa era non funzionale, irrealizzabile?

7) visto che altre soluzioni proposte e senza nessuna risposta ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi avevano costi e tempi previsti nettamente inferiori alle 600.000 euro del progetto attuale, cosa fa propendere unicamente per questa soluzione?

8) L’ evento ha evidenziato chiaramente la mancanza di qualsiasi via di fuga dei paesi del circondario, quali sono le vie di fuga che si stanno creando se giammai possa accadere un altro evento catastrofico? la Scirinda- Tragaleggi?

9) E’ stato chiesto se il ponte della ferrovia cosiddetto, sempre dopo i dovuti accertamenti, possa essere utilizzato almeno per i mezzi di emergenza, ambulanze mezzi di soccorso etc… cosa lo impedisce?

A QUESTE DOMANDE DOPO 15 GIORNI NON ABBIAMO ANCORA AVUTO NESSUNA RISPOSTA ANCHE INDICATIVA… QUALCUNO AVREBBE IL DOVERE ANCHE MORALE DI RISPONDERE.

Per Il Comitato No Ponte- No Voto Arch. Lillo Manto

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *