MARIO LAZZANO: “SCIACCA LANGUE” INDIRIZZA UN APPELLO AD AMBROGIO. CHE CI STA A FARE ANCORA LI’?

“A Sciacca mentre la Città langue con i problemi di sempre puntualmente non risolti , ci si accapiglia all’interno della pseudo maggioranza sulla nomina del nucleo di valutazione”. Mancano:PRG-Piano Commerciale,Piano spiagge,risanamento del Centro Storico,Bonifica delle discariche abusive,attenzione per i quartieri degradati di S.Giorgio,Cutrone,Sabella,Perriera,stazzone,zone della Marina,Porto ecc.ecc.ecc”.

Il consigliere provinciale del Pdl, Mario Lazzano, in una nota esprime il giudizio sulle condizioni in cui versa la città. “Ieri una nota del Consigliere di maggioranza Giuseppe Ambrogio- scrive ancora Lazzano- egli dice:manca il coinvolgimento dentro la maggioranza (“io direi ci è mai stato il coinvolgimento dei consiglieri di maggioranza visto che in molti hanno abbandonato la giunta Bono?”) “Che ci sta a fare ancora Giuseppe Ambrogio ad appoggiare una maggioranza inesistente se non viene nemmeno preso in considerazione da coloro i quali erano alle scorse elezioni gli amici di cordata? Che ci sta a fare se non viene nemmeno preso in considerazione per ripristinare qualche cestino o per potare qualche albero alla sua tanto amata zona Perriera?”

Poi rivolge un appello ai consiglieri comunali: ” Occhi bene aperti sulle varianti urbanistiche, stiamo attenti che non si finisce che si cambiano destinazioni di terreni in agricolo che diventa edificabile e/o agricolo che diventa commerciale. La Città è stanca di queste varianti estemporanee, la Città vuole il PRG lo spetta sin dal 1973 (ancora oggi vige il Piano Comprensoriale n° 6 e la Città è cresciuta a colpi di varianti mischiando cavoli e capre (zone commerciali con zone per l’edilizia scolastica,zone artigianali con zone per l’edilizia popolare e convenzionata ecc.ecc.) In ultimo occorre che vengano assegnate le aree per la edilizia popolare. Mentre la Città attende tutte queste cose la maggioranza naviga a vista”.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *