TRIVELLAZIONI: DOPO MARINELLO ANCHE CAPODICASA SI DIFENDE DAGLI ATTACCHI

In relazione alle vicende riguardanti le autorizzazioni per le ricerche di idrocarburi nel Canale di Sicilia e alle notizie diffuse, dopo Marinello anche Capodicasa ha deciso di intervenire e in qulche modo precisare il suo voto favorevole al decreto Passera. 

Capodicasa afferma che da sempre ha presnetato interpellanze e interventi contro tutte le trivellazioni off-shore , e contro tutti gli interventi e le iniziative, private e pubbliche, unicamente finalizzate ad un ritorno economico, senza alcun rispetto per il territorio, l’ambiente e la qualità di vita dei cittadini.

“Il nostro voto al “decreto sviluppo” – dice l’esponente del Pd –  su cui il Governo Monti aveva richiesto il voto di fiducia, non era, ovviamente, un atto finalizzato al rilascio di singoli atti autorizzativi di perforazione nel mare di Sciacca, ma il voto favorevole ad un provvedimento generale, richiesto a gran voce da tutte le organizzazioni sociali e necessario per l’economia del Paese. Provvedimento nel quale erano contenute importantissimi e urgentissimi provvedimenti in materia di lavoro ,di semplificazione burocratica, di salvaguardia ambientale,e di atti in favore del credito e delle imprese ,nel tentativo di tamponare gli effetti e le cause della terribile crisi economica che stanno vivendo ed affrontando i cittadini Italiani. Ed invero all’art.35 di tale decreto chiunque può leggere un inasprimento dei vincoli a tutela delle riserve e dell’ecosistema marino, per le attività di ricerca che non possono più essere effettuate entro le 12 miglia dalla costa e di cui oggi si richiede la preventiva valutazione di impatto ambientale, nonché il parere degli Enti locali interessati. Se tra le righe di tale testo è stato introdotto,in modo ambiguo e contradditorio in modo tale da trarre in inganno la buona fede di centinaia di parlamentari, una sorta di via libera a provvedimenti contrari allo spirito della norma, ciò non basterà a fermare la nostra azione politica di forte opposizione contro tali provvedimenti, come del resto gli atti parlamentari della scorsa legislatura dimostrano”.

Poi un impegno, come fatto poco fa da Marinello, e cioè che alla riapertura delle Camere si adopererà per la salvaguardia del territorio e della sua economia, assicurando la revoca o sospensione dei provvedimenti di autorizzazioni alle perforazioni.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *