PATTI: “LA MIA BATTAGLIA CONTRO L’ALCOL”

In molti lo criticano, ma se a Carnevale c’è stato un calo dei consumi è anche merito suo

“Sono felice, le mie “uscite” hanno creato un dibattito, l’emanazione di apposite ordinanze e la diminuzione dei consumi di alcol a carnevale”. Michele Patti, consigiere comunale e protagonista di una vera e propria battaglia contro l’alcol a carnevale (aveva anche chiesto di vietare la vendita di bevalnde alcoliche durante i giorni della festa) è particolarmente soddisfatto dei risultati ottenuti e delle dichiarazioni e delle autorità locali in ordine ad una provata riduzione dei consumi e il riscontro della diminuzione del tasso alcolemico tra i giovani fermati dalle forze dell’ordine. Insomma, le iniziative di Patti, giudicate eccessive e clamorose, ma anche dettate da un eccesso di intolleranza, con frequenti riferimenti al suo passato di costruttore di carri e di fervido operatore del carnevale, forse sono srevite a smuovere le coscienze, insieme alle campagne di sensibilizzazione promosse dagli organizzatori.

“Io continuerò ad essere attivo e pressante nel parlare della piaga alcol che ormai affligge tanta gente – dice Michele Patti – poichè parlarne significa affrontare le problematiche e cercare le soluzioni alternative, da applicare tutto l’anno e non solo a carnevale”.

Non resta che condividere le parole di Patti, che a parte il ruolo politicol, sta davvero impegnandosi pwer cambiare la nostra società.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *