“FARE FRONTE COMUNE PER LA RIABILITAZIONE AL MAUGERI”. L’APPELLO DI DANIELA CAMPIONE ALL’OPPOSIZIONE

L’assessore alle Politiche Sociali Daniela Campione replica alla nota dei consiglieri comunali di opposizione sui rimborsi carburante alle famiglie che si recano con i propri figli nei centri di riabilitazione fuori città. “Questa Amministrazione comunale – dice l’assessore Campione – non solo ha trovato i fondi per i rimborsi, prevedendoli all’interno del bilancio del Distretto Socio Sanitario, ma si è concentrata con grandissimo impegno a rimuovere la vera causa del problema. Un problema che determina un disagio enorme alle famiglie, che ci addolora. La vera questione è la mancanza di un centro di riabilitazione ambulatoriale a Sciacca ed è su questo che da un anno e mezzo stiamo lavorando, tra Sciacca, Agrigento e Palermo , puntando sull’apertura di un centro all’interno del reparto Maugeri dell’ospedale “Giovanni Paolo II”.

“Siamo a un passo dal traguardo. Siamo riusciti a ottenere tutti i pareri. Abbiamo ottenuto il via libera dall’assessore regionale alla Salute Borsellino, dal direttore generale dello stesso assessorato Sammartano. Abbiamo seguito in ogni sua fase tutto l’iter, fino alla predisposizione dell’atto deliberativo dell’Asp di Agrigento.  Ora tutto passa nelle mani del nuovo direttore generale insediatosi da qualche giorno”, continua Campione.

“A proposito poi dei fondi stanziati, – spiega l’assessore Campione – ricordo che lo scorso anno con la rimodulazione del vecchio piano di zona sono stati stanziati quasi 200 mila euro per il rimborso del carburante. Nel nuovo piano di zona del Distretto Socio Sanitario sono stati previsti per il triennio fondi per quasi 500 mila euro. Il piano è stato trasmesso lo scorso maggio all’assessorato regionale alla Salute. Attendiamo l’approvazione”.

“Chiedo ai consiglieri comunali, tutti indistintamente, – conclude l’assessore Campione – di sostenerci nella battaglia intrapresa per l’apertura di un centro di riabilitazione ambulatoriale al Maugeri, di fare fronte comune, di insistere con il nuovo manager dell’Asp di Agrigento sulla necessità di avviare al più presto al “Giovanni Paolo II” questo importante servizio. In quest’ultimo anno e mezzo di lavoro per ottenere l’apertura del centro a Sciacca, non ho sentito una parola a sostegno. Il centro all’ospedale risolverebbe ogni problema, cambierebbe lo stile di vita di diverse famiglie costrette ad affrontare sacrifici e il disagio di spostarsi in centri specializzati di paesi vicini per le terapie riabilitative dei propri figli. E consentirebbe grandi risparmi e nuovi servizi. Uniamoci in una battaglia comune”.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *