EOLICO OFF SHORE NEL CANALE DI SICILIA: NO DEL GOVERNO SICILIANO

Ha formalizzato il no al ministero delle Infrastrutture e Trasporti, e a quello dell’Ambiente

Il Governo della Regione siciliana ha formalmente condiviso la posizione dell’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Gianmaria Sparma contraria all’installazione di parchi eolici off-shore nei tratti di mare prospicienti le coste della Sicilia. “Negli ultimi mesi – ha spiegato Sparma – abbiamo ricevuto numerose richieste di parere ambientale per impianti eolici nei mari siciliani, domande che hanno tutte ricevuto parere negativo. Molte delle aree interessate infatti fanno parte della Rete Natura 2000, ovvero rientrano in quei siti ecologici comunitari per la protezione e la conservazione degli habitat naturali. Questo comporta per la Regione – continua l’assessore – l’obbligo alla tutela e al mantenimento di queste zone. L’installazione di parchi eolici off-shore invece, dato il loro forte impatto ambientale, comporterebbe seri rischi per l’ecosistema del Canale con pesanti conseguenze anche in altri settori strategici come la pesca, il turismo e la stessa navigazione. Parere contrario e’ giunto, infatti anche dai territori. Per questo motivo – conclude Sparma – il Presidente Lombardo e la giunta hanno condiviso questa valutazione”. Nei prossimi giorni la deliberazione della giunta verra’ quindi trasmessa al ministero delle Infrastrutture e Trasporti, a quello dell’Ambiente, al MISE e a tutte le amministrazioni competenti al rilascio di pareri, nulla osta, permessi, autorizzazioni per i progetti eolici off-shore.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *