SEQUESTRO BENI A IMPRENDITORI CONDANNATI NEL PROCESSO SCACCO MATTO

Nel mirino della Dia Gino Guzzo di Montevago e Francesco Fontana di Partanna

C’è anche un oleificio tra i beni sequestrati, per un valore complessivo di un milione e 100 mila euro, dalla Direzione investigativa antimafia, a due imprenditori entrambi detenuti per mafia.

 Le proprietà sono riconducibili a Gino Guzzo, 52 anni, di Montevago, e Francesco Fontana, 74 anni, di Partanna, arrestati nell’operazione chiamata “Scacco Matto”, condotta nelle province di Trapani e Agrigento. I due sono stati condannati in primo grado, rispettivamente, a 21 anni e a 12 anni di reclusione, per associazione per delinquere di stampo mafioso. I provvedimenti di sequestro dei beni sono stati emessi dal Tribunale di Agrigento, su proposta della Dda di Palermo. Sigilli apposti anche ad un edificio e a terreni, conti correnti bancari e libretti di deposito.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *