LA SFIDA AL COMUNE DEL CITTADINO SANTANGELO

“La mia casa dichiarata inagibile per la frana di una strada comunale ma il Comune non mi paga l’affitto. Paga invece i contributi all’assessore… indigente”

Affida ad una lettera aperta i suo sfogo contro le autorità comunali per un diritto che gli spetta. Michele Santangelo, l’uomo che con la sua famiglia ha dovuto lasciare la casa di via Nicolò Machiavelli quando ci fu la frana in via Amendola, oggi non può ancora tornarvi ed è costretto a pagarsi l’affitto. E tutto questo mentre un assessore riceve il contributo per gli affitti. Si è rivolto al sindaco ed ai consiglieri comunali tutti per gridare forte la sua rabbia e la sua indignazione. Ha dovuto lasciare la casa in seguito ad un provvedimento di evacuazione, l’amministrazione comunale del tempo si fece carico, così come prevede la legge, di trovargli un alloggio momentaneo e successivamente si impegnò a concedergli un contributo per l’affitto di un altro appartamento, una casa più comoda per garantire dignità e vivibilità alla sua famiglia. Tutto ciò è stato garantito fino alla fine del 2009. Poi, senza preavviso, nel gennaio del 2010 il contributo comunale non è più arrivato.

Dopo avere letto che la giunta sta deliberando i contributi per la locazione e tra i beneficiari c’è pure un assessore comunale, si è ancora di più arrabbiato e si rivolgerà ad un legale per difendere un suo diritto, quello stesso diritto che assegna ad un assessore il contributo da indigente. Michele Santangelo lavora in un bar del centro storico, attività commerciale penalizzata dai lavori del cantiere “Chiazza” e rischia anche di perdere il posto. Santangelo non può ancora tornare nella sua casa di via Nicolò Machiavelli nonostante nel frattempo siano state completati gli interventi sulla strada e sul muro di contenimento. Ci sono ancora problemi di stabilità e la sua casa è abbandonata. E la sua indignazione va oltre quando afferma che fino ad oggi non ha parlato perchè il sindaco gli diceva di non divulgare la cosa alla stampa e che avrebbe risolto il problema.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *