GIRO DI ESCORT: INIZIATO STAMATTINA IL PROCESSO “PORTOBELLO”

E’ iniziata la prima udienza del processo “Portobello” i cui imputati sono Gianmni Melluso (56 anni), la moglie Raffaella Pecoraro (47 anni), Pellegrino Grisafi (48 anni) e Stefano Giovanni Ernesto (38 anni). Sono imputati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Il processo si celebrta con il rito abbreviato, così come chiesto dal collegio della difesa. La sentenza è prevista per il  prossimo 15 marzo.

Gianni Melluso è considerato dagli investigatori l’autore principale dell’organizzazione smantellata dai carabinieri della polizia giudiziaria della Procura di Sciacca;  la moglie Raffaella Pecoraro, avrebbe curato la logistica, mentre gli altri due avrebbero curato chi il trasporto della ragazze, chi la sicurezza. Questo secondo la ricostruzione degli investigatori. I quattro sono stati arrestati il 24 luglio dello scorso anno.

Avrebbero utilizzato un pub al mare, in contrada San Marco. Ci sarebbero state ragazze rumene e sudamericane.
Melluso è noto alla cronaca nazionale per le accuse a Enzo Tortora. Fu, infatti, tra gli accusatori, insieme ad altri pentiti della Nuova Camorra Organizzata, a fare false dichiarazioni su Tortora. La vicenda si concluse segnando una delle pagine più nere della storia giudiziaria italiana. Melluso chiese anche le scuse ai familiari di Enzo Tortora, ma che non furono mai accettate.

 

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *