CONVEGNO REGIONALE CITTADINANZATTIVA

Il responsabile di Cittadinanzattiva T.D.M. di Sciacca, Lilla Piazza, ha partecipato al convegno di presentazione del secondo rapporto regionale dell’audit civico per l’ADI in Sicilia “I cittadini come risorsa del servizio regionale” realizzato in compartecipazione di Cittadinanzattiva, i Comitati Consultivi e l’Assessorato alla salute della Regione Sicilia. Il rapporto presentato, alla presenza dell’assessore Lucia Borsellino, del segretario nazionale Antonio Gaudioso e regionale Giuseppe Greco di Cittadinanzattiva, è frutto di una programmazione congiunta tra enti pubblici e associazioni di cittadini e di successive indagine svolte in tutte le A.S.P. siciliane con la collaborazione del personale sanitario delle aziende e di cittadini monitori. I risultati hanno dato un quadro dettagliato sui servizi erogati da tutte le A.S.P. e sull’appropriatezza degli stessi rilevando aspetti positivi che riguardano l’accresciuto numero di utenti serviti, un discreto funzionamento dei PUA ma evidenziando alcune criticità da superare come la composizione dell’equipe non sempre completa di tutte le figure necessarie, poche risorse professionali, spesso l’assenza di una regia necessaria al buon funzionamento del servizio, poca formazione, insufficiente comunicazione e monitoraggio. Si è evidenziato anche la difficoltà d’interazione con alcuni enti locali per la parte che riguarda l’assistenza sociale. E’ stato sottolineato da più parti la funzione primaria delle partecipazione dei cittadini per il miglioramento e per le modificazioni strutturali di tutto l’apparato sanitario reso necessario da un cambiamento dei bisogni che vedono un’utenza sempre più anziana e che deve essere curata presso il proprio domicilio sia per un umanizzazione delle cure ma anche per un risparmio delle risorse economiche perché è accertato che l’assistenza domiciliare impedisce in gran parte l’acutizzarsi degli assistiti evitando così i ricoveri impropri. L’ASP d’Agrigento è risultata nel prospetto di sintesi essere nella fascia centrale della graduatoria per quasi tutte le valutazioni con aspetti negativi che riguardano la formazione, la comunicazione e il monitoraggio. Il giudizio dell’ADI del distretto di Sciacca rispecchia nelle linee generali quello aziendale con una nota negativa significativa sul controllo del dolore. Si è concluso l’incontro prendendo atto che il lavoro svolto non è che il principio di un percorso di partecipazione civica che deve consolidarsi sempre più e che deve interagire, collaborando attivamente con le istituzioni sanitarie, facendo sentire quando necessario la propria voce e concorrendo al cambiamento di un sistema sanitario che vada nella direzione della soddisfazione dei bisogni dei cittadini.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *