CONSULTAZIONI MAGGIORANZA: IL TRIANGOLO NON CONSIDERATO

Stasera si svolgerà l’incontro “trilaterale” del terzo polo, Fli, Api e Mpa. Ieri sera si era svolto il “bilaterale” tra Fli e Api, ma è sorta la necessità di estendere i lati. La vita politica della maggioranza, dunque, si svolge freneticamente. La settimana scorsa era stata monopolizzata da tre riunioni “mono” del Partito Democratico. Al centro della vicenda il rapporto con il sindaco Vito Bono.

Il Pd si è reso protagonista di “incontri bilaterali”, già avviati e conclusi. Insomma, il Pd ha assunto la veste del partito guida delle consultazioni, ma mentre il partito di Bersani procede a due, il terzo polo fa il triangolo. Il terzo polo a Sciacca prende consistenza e diviene il socio di maggioranza con 12 consiglieri comunali (6 Api, 3 Mpa, 3 Fli), sminuendo, di fatto, l’incidenza del Pd, al cui interno c’è una frattura tra la componente Coco, Sabella e Fiorino e l’altra di Mandracchia e Montalbano. Insomma, il Pd non aveva considerato “il triangolo”, di zeriana memoria.

L’amalgama del terzo polo, dunque, alza il valore delle trattative in corso, rilegando al “socio di minoranza” il Pd.

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *