CASSAZIONE: E’ REATO DIRE AD UN FUNZIONARIO CHE “SI FA I C…PROPRI”

Possono esserci tanti modi di criticare un pubblico funzionario. Ma non lo si puo’ accusare di ”farsi i c… propri”. La Cassazione giudica questa espressione, per quanto popolare e frequente, ”volgare e inutilmente aggressiva”. Per questo la suprema corte ha annullato l’assoluzione di un ex consigliere comunale di Canicatti’ e ordinato un nuovo processo. Pietro Lionte aveva usato nel 2006 parole forti nei confronti di una funzionaria della polizia municipale. Il giudice lo aveva qualificato come ‘diritto di critica’. Una tesi ‘bocciata’ dalla Cassazione.

(Fonte ANSA)

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *