GEMELLAGGIO CON SALVADOR DE BAHIA, EMMI E COGNATA INSISTONO: IN UNA CITTA’ NORMALE E CIVILE CI SI INDIGNA CONTRO CHI SALVA UN ASSASSINO

Non si placa la querelle sulla proposta di revoca del gemellaggio con Salvador De Bahia. I consiglieri comunali Emmi e Cognata tornano alla carica e scrivono:

“Peccato, ancora una volta il Sig. Sindaco Vito Bono non ha colto il senso dell’iniziativa. La revoca del gemellaggio aveva un duplice intento: 1. Manifestare solidarietà per coloro che in difesa della democrazia e della libertà hanno pagato con la propria vita, 2. Scuotere con un azione clamorosa, la coscienza della cittadinanza di Salvador de Bahia” legata a noi da fraterna amicizia”. Una cittadina che però, attualmente ha manifestato solo indifferenza di fronte ad una azione tanto deplorevole del proprio governo. Lo scopo era quello di far si ché il popolo brasiliano condividesse la nostra indignazione. Rendere giustizia a vittime innocenti non può avere colore politico né nazionalità. Il Sig. Sindaco, Dott. Vito Bono, invece forse crede di essere al centro del mondo e pensa che ogni azione sia un modo per mettere in difficoltà l’amministrazione comunale. Purtroppo per noi le inefficienze dell’Amministrazione Comunale sono sotto gli occhi di tutti non occorre aggiungere altro: ci pensa da sola . In una città normale e civile ci si indegna contro la decisione di mantenere in libertà un ASSASSINO”.

 

Archivio Notizie Corriere di Sciacca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *